Come i ristoratori affrontano l'emergenza coronavirus: gli esempi virtuosi

20/03/2020

Torna indietro

DaRò nasce per condividere l'importanza di una buona alimentazione in ogni luogo della vita sociale e lavora a stretta contatto con aziende del settore enogastronomico, del turismo e del benessere. Come sappiamo a partire dal 12 marzo l’emergenza coronavirus ha imposto a tutti noi la distanza sociale e la conseguente chiusura temporanea di questo genere di attività.

Cosa possono fare i ristoratori in un momento di pausa forzata a causa del Covid-19?

Nessuno era preparato ad affrontare questa crisi ma attarverso il web veniamo a conoscenza, giorno dopo giorno, di esempi virtuosi di ristoratori che, in tutta Italia, dal Nord a Sud, provano a rispondono con positività a questo momento di crisi e difficoltà.

Vogliamo prima di tutto ringraziare le numerosissime attività di ristorazione che hanno riaperto le loro cucine per supportare i reparti ospedalieri di tutta Italia donando a medici e infermieri - impegnati in prima linea contro l'emergenza covid-19 -  pasti caldi, specialità culinarie e prodotti di punta del proprio menù.

A Milano SlowSud ha lanciato una vera e propria gara di solidarietà fatta di gesti di amore contagiosi (nell’accezione positiva) che si è subito estesa in tutta la penisola.

Tra le attività che hanno aderito a questa iniziativa in Puglia troviamo, ad esempio, il Panificio Fiore di Bari, che ha scelto di donare alcune ruote di focaccia a medici e infermieri del Policlinico e, sempre a Bari, Olio&Farina, che ha consegnato panzerotti e frittelle al reparto UO di Rianimazione dello stesso Policlinico del capoluogo pugliese.

Inoltre, se è vero che “senza crisi non ci sono sfide” supportiamo le attività di ristorazione che, in questo momento di difficoltà, pur avendo chiuso i propri locali al pubblico, hanno saputo reinventarsi proponendo un servizio di food delivery adeguandosi scropolosamente alle norme di sicurezza vigenti.

Qualcuno ha aggiunto un tocco di "speranza" alle proprie consegne come Farine di Messina che ha scelto di allegare un coupon valido per un dessert omaggio, da ritirare presso la sede fisica del locale, quando questo momento sarà passato e si potrà riaprire.

Infine vorremmo ringraziare i ristoratori e gli chef che continuano, giorno dopo giorno, a restare in contatto con i propri clienti anche attraverso i canali social offrendo preziosi tutorial e video lezioni di cucina. Tra i grandi a far questo vi sono ad esempio Davide Oldani e Massimo Bottura.


Presto le strade torneranno a riempirsi e i locali torneranno ad affollarsi e noi di DaRò non vediamo l’ora di tornare a scoprire nuovi luoghi da consigliarvi.

#andràtuttobene